Il Buono Regalo...su misura!! 🥳 Tante esperienze uniche da regalare!

HomeVini e Sud Italia: un territorio dinamico!vinodilaVini e Sud Italia: un territorio dinamico!

Vini e Sud Italia: un territorio dinamico!

L’eccellenza dei vini del Sud Italia è nota da sempre, da millenni, fin dai tempi dei Romani e prima dei Greci. I vini “mediterranei” hanno sempre vinto innumerevoli premi.

I vini dell’Italia meridionale sono stati storicamente trascurati a favore delle regioni vinicole più note e popolari dell’Italia settentrionale – soprattutto Toscana, Piemonte e Veneto. Tuttavia, l’Italia meridionale ha un ricco patrimonio enologico ed è considerata la culla dei vini italiani. Con il suo caldo clima mediterraneo, il ricco suolo vulcanico e l’abbondanza di antichi vitigni autoctoni, i vigneti hanno punteggiato il paesaggio dell’Italia meridionale per migliaia di anni e i suoi vini erano molto apprezzati dagli antichi Greci e Romani. Tuttavia, per la maggior parte del XX secolo, l’industria vinicola del Sud Italia ha languito nell’oscurità in mezzo a un mare di mediocre plonk. Sebbene al Sud Italia non mancasse il vino, la maggior parte di esso veniva consumato localmente o utilizzato come vino da taglio.

Ma anche in quegli anni difficili c’erano alcuni produttori di qualità nel Sud Italia – come Paternoster in Basilicata, Tasca d’Almerita Regaleali in Sicilia, Taurino in Puglia e Mastroberardino in Campania – che mantenevano vivo il patrimonio enologico della regione producendo vini di alta qualità utilizzando le varietà autoctone uniche della regione. Questi produttori erano all’avanguardia nella rinascita dell’enologia del Sud Italia.

Incuriositi dall’apprezzamento del mercato per i vini prodotti da questi pionieri orientati alla qualità e stimolati da un’infusione di capitali pubblici e privati per il miglioramento e l’ammodernamento degli impianti, altri produttori dell’Italia meridionale iniziarono gradualmente ad adottare procedure di coltivazione e vinificazione avanzate con l’obiettivo di rendere i loro vini più attraenti in mercati più ampi e competitivi. Oggi l’Italia meridionale è probabilmente la regione vitivinicola più eccitante e dinamica d’Italia. Con una maggiore enfasi sulla qualità, i vini dell’Italia meridionale ricevono sempre più spesso il plauso della critica e possono competere con i vini di aree italiane più popolari che hanno prezzi più elevati.

Quasi tutte le regioni dell’Italia meridionale stanno facendo passi da gigante nella produzione di vini di qualità e distinzione. La Puglia ha 25 zone vinicole DOC ed è la patria di robusti rossi ottenuti da Primitivo e Negroamaro, mentre la Basilicata, con una sola DOC, vanta un magnifico rosso, l’Aglianico del Vulture.

La Campania produce una serie di vini rossi e bianchi di grande pregio, tra cui il Taurasi, il vino di riferimento della regione, che è stato il primo DOCG del Sud. Nel frattempo, la Calabria, nella punta dello stivale che comprende l’Italia geografica, produce una serie di vini rossi distintivi, guidati dal Ciro, che affonda le sue radici negli antichi Greci. La Sicilia ha una crescente reputazione per la produzione di vini di carattere ottenuti dall’uva autoctona Nero d’Avola, mentre la Sardegna sta producendo alcuni vini distintivi dalle varietà robuste Cannonau e Carignano del Sulcis. Anche il piccolo e poco popolato Molise sta producendo alcuni vini interessanti e affidabili da uve Montepulciano e Aglianico.

Vini e Sud Italia: un territorio dinamico!
Vini e Sud Italia: un territorio dinamico!

Sud Italia e vini: un territorio molto dinamico – Vinodilà: Vino, sapori e territorio!

Dove opera Vinodila’? In tutte le regioni d’Italia, in particolare in Friuli Venezia Giulia, Toscana, Veneto, Umbria e Piemonte. Abbiamo proposte nel nostro sito per ogni esigenza e per farvi vivere esperienze uniche!

SCOPRI LE PROPOSTE DEI NOSTRI TOUR IN FRIULI E NON SOLO!

Vini e Sud Italia: un territorio dinamico!
Vini e Sud Italia: un territorio dinamico!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.