Il Buono Regalo...su misura!! 🥳 Tante esperienze uniche da regalare!

HomeIl vino degli antichi romani: storia e curiosità (prima parte)vinodilaIl vino degli antichi romani: storia e curiosità (prima parte)

Il vino degli antichi romani: storia e curiosità (prima parte)

Tra i molti contributi che i Romani hanno dato al mondo – sia quelli antichi che quelli trasmessi alla società moderna – forse il più duraturo è stato l’arte della produzione del vino (vinum).

L’uva selvatica, sebbene ormai quasi estinta, cresceva in abbondanza in tutto il Mediterraneo e veniva coltivata seriamente in tutta la regione. Gli Etruschi e i Greci erano i principali consumatori di vino in Italia prima dell’ascesa di Roma e, sebbene il vino fosse una parte importante della dieta romana, non divenne l’icona culturale della loro società fin dall’inizio. I Cartaginesi, che dominavano il commercio mediterraneo prima dei Romani, erano gli intenditori di vino dell’epoca e i primi riferimenti antichi, prima del latino, sono stati forniti in lingua punica.

L’espansione dell’impero permise la nascita di vigneti in Italia

Con l’espansione di Roma, che alla fine sconfisse Cartagine alla metà del II secolo a.C., i vigneti romani cominciarono a sorgere seriamente in tutta Italia. Non essendo più l’Italia dedicata in modo preponderante all’arte della guerra, le aziende agricole locali poterono prosperare. Le uve selvatiche che un tempo costituivano la cultura vinicola di base dell’Italia furono coltivate e allevate in abbondanza. Prima di allora, l’Italia era una cultura agraria basata prevalentemente sull’agricoltura di sussistenza, ma con l’espansione in terre fertili come la Sicilia e l’Africa, si aprirono le porte ad altre attività agricole. Nel II secolo a.C. la produzione di vino e uva in Italia ebbe un’impennata e grandi vigneti gestiti da schiavi punteggiavano le coste. La produzione di vino sostituì a tal punto quella dell’agricoltura alimentare tradizionale, che l’imperatore Domiziano fu costretto a distruggere diversi vigneti nel 92 d.C. e a vietare la crescita di nuove viti.

La vigna e la produzione di vino si affermano nella cultura romana

Diversi autori antichi hanno dedicato una lunga documentazione alla produzione, all’economia e al valore culturale del vino.

Catone il Censore fornì la prima opera latina sul vino romano, tra le altre attività agricole, il “De Agri Cultura“. Varrone fornì una rassegna piuttosto sommaria della produzione di vino in un’opera più ampia sull’agricoltura in generale, “Res Rusticae” (Questioni di campagna).

Forse il miglior esempio di tutte le fonti romane sulla produzione di vino proviene da una delle fonti latine meno conosciute. Columella, nel suo “De Re Rusticae” (Sulle questioni di campagna), fornisce uno sguardo molto dettagliato sull’arte romana della coltivazione della vite, della produzione e del consumo di vino. Plinio il Vecchio, nella sua grande opera Historia Naturalis, aggiunge che la produzione di vino in Italia alla metà del II secolo a.C. superava qualsiasi altro luogo del mondo.

La coltivazione del vino e dell’uva fu vietata, almeno dagli agricoltori romani al di fuori dell’Italia in questo periodo, e il vino divenne un grande bene di esportazione. Pur rimanendo un elemento prezioso della vita quotidiana romana, il suo valore di esportazione diminuì con l’espansione dell’Impero. Quando la Gallia e l’Hispania (essenzialmente Francia e Spagna) passarono sotto l’influenza romana, in queste province vennero impiantati enormi vigneti e l’Italia sarebbe diventata un importante centro di importazione dei vini provinciali.

Il vino diventa una bevanda per ogni momento e occasione

I Romani bevevano il vino come parte integrante della loro dieta, preferendolo a qualsiasi altra cosa. Infatti, la qualità dell’acqua potabile era tale che il vino era una bevanda tipica in qualsiasi momento della giornata. Tuttavia, a differenza di oggi, il vino antico veniva quasi sempre consumato mescolato a grandi percentuali di acqua. I vini antichi erano più forti, sia per il contenuto alcolico che forse per il sapore, rendendo necessaria l’annacquatura delle loro bevande. Così facendo, non solo si assicurava la longevità di una porzione, ma si rallentavano anche gli effetti alcolici. I vini erano di molte varietà e sapori e mescolavano il prodotto originale dell’uva con un elenco esaustivo di proprietà che cambiavano il sapore.

Aromi del vino

Dal miele all’acqua salata, alle erbe e/o spezie di ogni tipo, i Romani sembravano disposti a provare qualsiasi cosa. Veniva persino aggiunto del gesso per ridurre l’acidità. Il sapore del vino veniva alterato anche dal metodo di conservazione. Il metodo tipico di conservazione era nelle classiche anfore romane (una brocca maneggiata con un contenitore cilindrico e un piccolo collo lungo e un beccuccio). In queste, l’interno poteva essere ricoperto di resina, non solo per la conservazione, ma anche per influenzare il gusto del prodotto finale. Anche le procedure di bollitura influivano sul gusto e i Romani erano ben consapevoli delle diverse proprietà gustative ottenute utilizzando pentole di piombo, ferro, rame, ecc.

Seguirà seconda parte – Restate aggiornati sul nostro Blog!

SCOPRI LE PROPOSTE DEI NOSTRI WINE TOUR IN FRIULI E NON SOLO!

Il vino degli antichi romani: storia e curiosità (prima parte)
Il vino degli antichi romani: storia e curiosità (prima parte)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.