Il Buono Regalo...su misura!! 🥳 Tante esperienze uniche da regalare!

HomeLa regina Elisabetta e la passione per il prosecco italianovinodilaLa regina Elisabetta e la passione per il prosecco italiano

La regina Elisabetta e la passione per il prosecco italiano

La Regina Elisabetta ha festeggiato qualche settimana fa i suoi 70 anni di regno. E proprio in questo 2022 è stato svelato quello che sembrerebbe essere il vino preferito dalla regina, ed è italiano! Queen Elisabeth infatti pare abbia una passione per il Prosecco, autentica star dei vini bianchi italiani!

È tempo di grandi novità, per il Prosecco. Dopo il riconoscimento della denominazione da parte del governo cinese arrivato qualche mese fa, arrivano anche le parole di Franco Passador. Il direttore generale del Gruppo ViVO (Viticoltori del Veneto Orientale) ha infatti raccontato sempre qualche tempo fa con dovizia di particolari la passione della Regina Elisabetta per il Prosecco trevigiano.

Le bottiglie sono prodotte in esclusiva per la Regina e hanno una denominazione di origine controllata. Si tratta quindi di un Prosecco trevigiano di nascita, ma inglese di adozione. Un extra dry con una gradazione alcolica dell’11%, che testimonia l’amore dei sudditi per il Prosecco di Treviso e la passione che Elisabetta II nutre (anche se i medici l’hanno costretta a bere solo in occasioni speciali!). Proprio in virtù di questo amore, l’Inghilterra ha recentemente ridotto la tassazione sul Prosecco e sugli spumanti (la riduzione è stata di circa 1,3 euro a bottiglia). E il Prosecco, che da tempo è il vino più amato dagli inglesi, sta vivendo una crescita inarrestabile. Nel Regno Unito e nel mondo.

Che cos’è il Prosecco?

Il Prosecco è un vino bianco a Denominazione di Origine Controllata (DOC) o a Denominazione di Origine Controllata e Garantita (DOCG) prodotto nella regione Veneto dell’Italia settentrionale. È prodotto con uve glera, con un 15% di altre varietà ammesse. La maggior parte del prosecco è spumante (spumante) o frizzante (frizzante), anche se esistono rari esempi fermi (non gassati). L’area del Prosecco DOC è la più grande denominazione italiana.

Qual è la storia del Prosecco?

Il Prosecco prende il nome dal paese di Prosecco in Friuli, nell’Italia nord-orientale. Il vino della zona viene chiamato “prosecco” o una sua variante da almeno 400 anni. I primi prosecco erano spumanti a metodo ancestrale, dolci e poco alcolici, simili all’Asti, un altro popolare vino spumante italiano.

Il metodo Charmat, inventato intorno all’inizio del XX secolo, ha permesso ai produttori di prosecco di produrre spumanti più consistenti su una scala più ampia rispetto al passato. Con l’adozione di questa tecnologia, la produzione di prosecco aumentò e la qualità migliorò notevolmente.

La Glera, l’uva principale utilizzata per produrre il prosecco, è stata chiamata “prosecco” fino al 2009, quando è stata rinominata nell’ambito della creazione della DOC Prosecco. L’area DOC era significativamente più grande della zona di produzione classica dei vini e i critici temevano che la qualità ne avrebbe risentito. Per questo motivo, alcune aree della zona di produzione classica sono state elevate a DOCG. Il consumo internazionale di prosecco è cresciuto rapidamente dopo l’introduzione della DOC Prosecco, rendendolo una delle più grandi storie di successo del mondo del vino.

Dove si produce il Prosecco?

La DOC Prosecco si estende su 35.000 ettari nelle regioni italiane settentrionali del Veneto e del Friuli-Venezia-Giulia, al confine con la Slovenia. Questa zona DOC comprende le principali città italiane, come Venezia, Padova, Verona, Treviso e Trieste, oltre alle pianure e alle campagne circostanti.

Circa la metà del Prosecco DOC si trova nella zona di produzione classica, che si estende intorno alle vicine città collinari di Conegliano e Valdobbiadene, vicino a Treviso. I vini prodotti in questa zona possono rientrare nella DOCG Prosecco Conegliano-Valdobbiadene Superiore.

Il Prosecco Asolo Superiore DOCG è una denominazione più piccola vicino alla città di Asolo. Per questo e per il Conegliano-Valdobbiadene Superiore DOCG, le uve devono essere coltivate in collina, il che aumenta la maturazione. I macchinari per la vendemmia non possono operare sul terreno collinare, quindi le uve per questi vini vengono raccolte a mano, aumentando la qualità del vino finale.

Il prosecco migliore proviene dalla sottozona del Cartizze, una collina di Valdobbiadene. Una bottiglia di prosecco proveniente da Cartizze sarà etichettata come Superiore di Cartizze piuttosto che con il nome della DOCG, ed è notevolmente più costosa rispetto agli altri prosecco.

WINE TOUR IN FRIULI VENEZIA GIULIA? SCOPRI LE ULTIME PROPOSTE

Regina Elisabetta vino prosecco italiano - Vinodila' blog, tutto sul vino in Italia
Regina Elisabetta vino prosecco italiano – Vinodila’ blog, tutto sul vino in Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.